Anarchy for breakfast: Johnny Buttern!

Nel ’77 attaccava l’establishment britannico con l’inno punk “God Save the Queen” oggi al più attacca una fetta di pane tostato. L’altro giorno prendo la tube e chi mi trovo in un mega cartellone pubblicitario come immagine del Country Life Butter? Il leader dei Sex Pistols Johnny Rotten (col faccino psicolabile che spuntava da un corpo di mucca pascolante). Intanto, alla tv, imperversa il commercial qui sopra. Lui è sempre stato un trashione unico, con la parlata supercockney da ruttomane di pub, pronto a vendersi per il vil danaro, fregandosene di tutto. Insomma, un Sid Vicious quarantenne non me lo saprei nemmeno immaginare ma di un Rotten imburrato, bhe, c’è davvero tanto da stupirsi? Però un po’ di tristezza la comunica… e per qualche motivo, continua a venirmi in mente l’immagine di Mick Jagger che sculetta con Christina Aguilera sul documentario di Scorsese Shine a Light

3 commenti

Archiviato in Uncategorized

3 risposte a “Anarchy for breakfast: Johnny Buttern!

  1. Johnny e il burro non sono male. Anche per quel tocco di decadente tristezza.
    Mick e Cristina in Shine A Light, quelli sì che fanno pena.

  2. leo

    Nessuno tocchi John. Per me è autorizzato a fare QUALUNQUE cosa

  3. Pingback: TV Eye « The Brixtown Massacre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...