Archivi tag: Richard Hawley

Grinderman: showcase, aftershow & full moon

(foto di fortuna scattata con l’iphone. Prendetevela con Nick che non mi ha dato un pass)

Dannata luna piena, non mi darai mai pace. A Peruginian lady werewolf in London. Quando arrivo al Garage, il piccolo locale nella putribonda fogna di Holloway road, avverto il bisogno impellente di ringhiare rock sudicio e depravato. Assistere ad un concerto dei Grinderman in una venue così piccola, è un privilegio unico e voglio godermi ogni istante, assaporarlo insieme a questi schifosissimi coca e rum in offerta. Attaccano subito con un’assatanata Worm Tamer, già collaudata dal vivo giorni prima, allo show televisivo di Jools Holland. Heathen Child è fatta di ruvida potenza, Kitchenette è un titolo ridicolo quanto un groove travolgente. Warren Ellis riempie la sala di pura energia elettrica, prima con la chitarra poi sollevando un muro di suono col violino, immediatamente disintegrato nell’esplosione psichedelica di When My Baby Comes, She Comes. Evil è pura isteria indemoniata, Nick Cave la dedica alla moglie – how sweet! – presente in sala. Il ritmo è talmente furioso che anche Cave inciampa, sbagliando i versi di una strofa. E’ perdonato: si riprende con un guizzo sotto il beat impeccabile di Jim Sclavunos. Martyn Casey fa il suo lavoro ma diciamolo, è il meno carismatico dei Grinderman; non che sia facile emergere accanto a quei tre mostri di magnetismo.

In questa canzone qui, dovrebbe fare: dudududu dududuudu”. Nick ricorre al suo innato senso dell’umorismo per mascherare l’incazzatura quando l’organo non funziona. Chiede aiuto al tecnico, anzi no, non c’è tempo, se ne frega e attacca Honey Bee. Senza chitarra tra le mani, punta il dito contro la folla in un Bad Seeds style. “Nervi. E’ solo questione di nervi se non so cosa fare con le mani quando sono sul palco” aveva confessato durante la nostra intervista un paio di mesi fa. No Pussy Blues è totale; Cave enfatizza ogni parola con un volto contrito, greve, frustrato, sintetizzando alla perfezione il dramma esistenziale d’ogni uomo da Seneca a Schopenhauer: no pussy, no party. Bellringer Blues – pezzo forte dell’album – è in versione ridotta (manca l’ultima strofa) con Nick che torna a puntare il dito contro il pubblico tra una scarica di organo elettrificato e l’altra. Grinderman, la canzone, è la dichiarazione d’intenti finale nonché l’augurio di cupa buonanotte. Finisce tutto nel giro di un’oretta, non è che il warm up del tour ed è chiaro che la band sta ancora ruminando su quale forma dare ai nuovi brani dal vivo. Per chi ha perso di vista i Bad Seeds live degli ultimi tempi, ed è rimasto alle ballate al piano di Into My Arms, potrebbe rivelarsi come un concerto shock. Chi invece si è gustato il tour di Dig Lazarus Dig! apprezzerà che la linea divisoria tra Grinderman e Bad Seeds si sta sempre più assottigliando, fino a convergere in brani pop come Palaces of Montezuma.

Nell’intima saletta dell’afterparty incrocio subito Jarvis Cocker, Bobby Gillespie (cominciavo a preoccuparmi, erano tre mesi che non lo incontravo) e Richard Hawley, già sbirciati durante lo spettacolo. E Nick Cave ovviamente. Con le dita gli disegno un punto interrogativo davanti al viso: “Ricordi?”. Sottointeso: l’intervista in cui eri in vena e ne hai inanellata una dopo l’altra? (vedi Buscadero di ottobre). Si ricorda, altrimenti non avrebbe avuto quell’espressione imbarazzata. Ma è gentile e ricambia il saluto. Incontro anche Jim Sclavunos, non è affatto contento di come sia andata la gig, obietta problemi al suono ma non vede l’ora di cominciare il tour. Eppure sono pronta a scommettere che, escluso l’organo svalvolante, gli unici in sala a non essere pienamente soddisfatti del concerto siano loro. Poi gli chiedo di chi sia stata l’idea di suonare lo showcase in una notte di plenilunio ma dice che non se ne erano accorti, è solo una coincidenza. Sarà, ma io continuo ad ululare, soprattutto quando vedo che qualcuno ha falciato la mia vespa spaccando la maniglia del gas e lasciandomi a piedi, a mille miglia da casa, nel bel mezzo della notte. Auuu! Fossero solo questi i problemi di noi licantrope…

O cling to me baby in this broken dream

You are the moon! Who needs the moon?

You are the stars! Who needs the stars?

O cling to me little baby in this broken dream

And let me protect you from this evil

Evil! Evil! Evil! Evil!

15 commenti

Archiviato in Uncategorized

Latitude Festival Report

Quando vedi un branco di pecorelle colorate significa o che hai esagerato con gli acidi o che sei al Latitude Festival. C’è anche una terza possibilità: hai esagerato con gli acidi al Latitude Festival. Ma non è questo il caso. La mia droga – pesante s’intende – sarebbe stata una dose massiccia di Midlake endovena, ai quali avrei fatto da fotografa personale scorrazzando allegramente avanti e indietro per il backstage.  Ma andiamo per gradi. Purtroppo mi sono persa il line-up di venerdì, dovevo intervistare Peter Buck dei REM per la sua nuova ennesima band Tired Pony (prossimamente su Busca e forse altrove). Dunque niente National, che ero molto curiosa di vedere dal vivo, niente Richard Hawley, che mi ero già gustata mesi fa e niente Wild Beasts (visti giorni fa al iTunes festival) e purtroppo niente Villagers, che più ascolto su disco e più mi convincono. Niente Spoon – dicono siano grandiosi live – e niente Laura Marling che desidero vedere da una vita e  straconsiglio a tutti i folkettoni. Bello questo post che parla di tutto ciò che mi sono persa, complimenti. Continuo. Niente Black Mountain, piacevolissima scoperta di anni fa al Greenman Festival, niente Empire of the Sun e niente Florence, ma su questi ultimi due nomi potrei aggiungere un sonoro: mastigrandissimicazz.

Arrivo al Latitude sabato pomeriggio, da sola, dopo avere appreso che nei due giorni precedenti sono avvenuti due stupri (ho appena scritto un post a riguardo, Latitude Festival: Peace & Love & Violence qui sul Rolling blog, con annessa galleria fotografica). Monto la tenda e faccio giusto in tempo a posizionarmi di fronte all’Obelisk Arena per la performance di John Grant. Splendido concerto, acustica perfetta e lui che sembrava più sciolto del solito nonostante l’enorme palco. Poi ne glisso parecchi, da Belle and Sebastian – troppo sonniferi per i miei gusti – ai XX, visti giorni prima all’iTunes Festival (e per 4-5 anni sono a posto). Chi mi ha colpito sono stati Noah and the Whale, un gruppo londinese che da diversi anni vedo aprire come supporto ai più disparati concerti e che ho sempre considerato come pop trullallero. Non più, sono cambiati. Il merito è ancora una volta di un cuore infranto: il leader Charlie Fink dopo essersi lasciato con Laura Marling, ha creato melodie ricercate e intense, proprio come il timbro della sua profonda voce. Dopo di loro, sulla Word Arena, sono arrivati gli Horrors: grandiosa scarica di punk rock ben calibrato. Splendido il crescendo finale di I Only Think of You e il tocco con cui hanno abbassato il volume di un’apocalisse in corso.

Dopo essermi sorbita qualche spettacolo alla tenda della letteratura e in quella dei film – ed essermi mangiata una pizza al cemento armato – sono dileguata in tenda, cercando di coprire il rumore assordante di fondo con Songs of Leonard Cohen (non ho mai detto di fare cose sensate). Domenica mattina, mentre guardo negli occhi un eggs & bacon roll, vengo travolta dalla voce spaziale di Tom Jones. Con lui sul palco la Gibson firebird di quel geniaccio di Ethan Johns, produttore-guru nonché sosia  del Dude nel Big Lebowski.

A seguire i giovani texani Strange Boys: un suono fuori dal tempo con una chitarra stile Stones anni ’60. Loro, invece, sono solo fuori: quando ci parlo cominciano a raccontarmi vita morte e miracoli su Lucky Luciano. Il debutto Be Brave (la titletrack è pressoché irresistibile) suona come la perfetta soundtrack per l’estate: leggero il giusto, divertente e retrò.  Ricordo che la prima volta che l’ho ascoltato ero convinta fossero una band di 50 anni fa, sono rimasta di stucco quando ho scoperto la verità. Oh well, anzi, orbene, veniamo ai Mumford & Sons: non ho amato il loro album, una produzione troppo patinata per i miei gusti, ma dal vivo, mi hanno spettinata, catturata, vivisezionata. Potenti. I Dirty Projectors sono gli ultimi cocchi di New York, uno di quei gruppi talmente pompati dai magazines inglesi che sentendoli su disco sono rimasta inevitabilmente delusa. O forse la colpa è mia che non gli ho dedicato il tempo necessario per apprezzarli. Dal vivo è un’altra storia. E’ stato divertente sentirli dal palco, in piedi accanto ai loro compaesani Grizzly Bear che li guardavano in adorazione. Art pop, avant garde rock, non saprei come descriverli ma gli effetti della chitarra intrecciati alle armonie, e a quella batteria senza tregua, hanno avuto un effetto travolgente.

Seguono i Midlake, credo di avere menzionato il loro nome una o due volte da queste parti (battutona). Tengo per me – per ora – i momenti e le foto scattate in backstage, quando sceglievano la scaletta e seguivano riti di preparazione prima di salire sul palco. Young Bride, Head Home, Acts of Man, Roscoe, Core of Nature, Winter Dies e un paio di suite d’apertura da brivido. Splendido sentire il suono uscire direttamente dalle spie del palco, quell’alchimia di flauti e chitarre del loro suono distintivo. Infine lo show dei Grizzly Bear, che sono andata vedere insieme ai Midlake: è sempre interessante sentire i pareri di altre band sui loro colleghi. Dal vivo è un suono opulento, forse anche troppo. Le nuove canzoni sembravano ottime, fanno ben promettere per il prossimo album, mentre i brani di Veckdamist, uno su tutti While You Wait for the Others, sono già classici (Dio come mi fa impazzire quell’effetto metallico di chitarra).

Fine bollettino di guerra, scritto di corsa, spero sia comprensibile. Vi lascio con il video di Roscoe, anzi, Roscow come scrivono loro sulla scaletta, per sfottersi. L’audio è abbastanza schifoso ma è l’unica chance di vedermi sul palco con i Midlake. Ovviamente con una macchina fotografica: a ciascuno il suo strumento…

13 commenti

Archiviato in Uncategorized

Open up your wallet

Non ha aspettato nemmeno un mese dall’uscita dell’album che ha già sciolto una canzone sublime in gelato avariato. Grazie Richard Hawley: ora non riuscirò più ad ascoltare questo brano senza pensare alla squallida e super stucchevole pubblicità dell’HäagenDazs. Ad aprirsi non sarà più your door ma solo una vachetta di plastica. Sono così delusa che non mi va nemmeno il gelato che ho in frigo. Aveva ragione Eels quando diceva che ormai non gliene importa più nulla a nessuno; oltre lui e Tom Waits non riesco a pensare ad altri che abbiano rifiutato un’allettante proposta pubblicitaria. Ognuno è libero di fare quel che vuole ma c’è una distanza di sicurezza tra creatore e opera creata e tra pubblico e opera, che andrebbe rispettata, per essere rispettati. Chiaro no? Essendo le prime ore di un mattino gonzo, mi sembra non faccia una piega. 

Che bisogno c’era di fare questa porcata? E perché i supermercati europei non vendono mai il gelato al pistacchio? E perché non esportano dall’altra parte dell’oceano l’HäagenDazs al Green Tea? 

Queste ed altre considerazioni mi vengono in mente. E la paura. Paura che sia davvero tutto finto: siamo in un mondo di marzapane scolpito da un pasticcere bastardo che si diverte a modificare la forma di ogni cosa da un giorno all’altro, senza preavviso. L’industria discografica è messa male, gli artisti devono mangiare, Richard Hawley si è messo in tasca un bel po’ di soldi e avrà la tranquillità per scrivere un altro album. O si contorcerà dai dolori di stomaco la notte? Sognerà delle grosse vaschette di gelato che lo inseguono mentre le sue mani nocciolate vengono sbranate da un enorme mostro caramellato e col diabete? Esistono ancora dei paletti di cemento armato o sono davvero tutte inutili stronzate e farei lo stesso anch’io? 

20 commenti

Archiviato in Uncategorized

Figli di Elvis

hawley©cmeattelliConcerto meraviglia quello di Richard Hawley ieri sera allo Shepherd’s Bush Empire e una rivelazione inaspettata:

“Penso sia ora di uscire allo scoperto e svelare al mondo la collaboratrice con cui lavoro ormai da molto tempo. Si tratta di una musicista davvero incredibile: Lisa Marie Presley.”

E noi tutti sbigottiti. Hanno suonato insieme un loro pezzo, “Weary”, Lisa Marie ha cantato e Hawley l’ha accompagnata con la chitarra insieme al resto della band, senza cantare. L’ha salutata con un bacio iper  affettuoso e lei è sparita nel backstage. La recensione del concerto la troverete sul Busca di dicembre. Intanto vi racconto la mia solita gag da pellegrina. Visto che è Hawley è un tizio davvero simpatico – lo dico senza sarcasmo – mentre noi fotografi stavamo per uscire da sotto il palco, dopo i primi tre pezzi, ci ha blaterato qualche sfottimento in slang di Sheffield ma non ho capito quasi nulla anche perché stavo intenta a raccapezzare tutta la mia attrezzatura. Poi ci ha chiesto: 

“Ma avete fatto belle foto? 

Mi sembrava scortese non rispondere così gli ho detto: “Yesssss… thanks!”. E lui “Bene, dopo le guardiamo una per una insieme!” Stranamente, non è successo, chissà perché. Comunque di battute ne ha fatte una marea ieri sera, era in vena, ma non ve le racconto altrimenti che scrivo poi nella recension? 

10 commenti

Archiviato in Uncategorized