Archivi tag: Velvet Underground

Lù Rid, il pubblico meno: MMM@Royal Festival Hall

Dovevo veder-Lou prima di morire. O prima che muoia lui: non mi pare ridotto bene quando cammina sul palco, combattendo con la forza di gravità per rimanere dritto. E magari non sono la sola ad aver-Lou pensato. Al bar della Royal Festival Hall per la pinta pre concerto mi accorgo di essere in buona compagnia: Kevin Shields dei My Bloody Valentine, Warren Ellis, qualche altro Bad Seed sfuso e Bobby Gillepspie dei Primal Scream (cominciavo a preoccuparmi, non si vedeva da mesi). Dicono ci fosse anche Nick Cave ma deve essermi sfuggito. Quando entriamo in sala le luci sono accese, lo show non è iniziato ma nelle orecchie già rimbomba il suono di frittura mistica delle chitarre accese ed apparecchiate a tutto volume a ridosso delle casse. Lou Reed ci ha promesso una notte di deep noise ispirata da Metal Machine Music: l’album che ogni gestore di locale dovrebbe utilizzare per scacciare la clientela indesiderata (il video qui sopra è un’interpretazione divertente trovata su youtube). Si tratta di un’ora e passa di feedback di chitarra senza capo né collo ne capocollo: un vero toccasana per Lou dito.

Le luci si spengono e il feedback diventa più intenso. Reed appare, ha gli occhiali sulla punta del naso come un insegnante di fattezza urbana e attacca alla chitarra senza avere minima idea di cosa stia facendo. Ma non importa, noi siamo qui per adorar-Lou o anche solo guardar-Lou. Insieme a lù (scusate non riesco a fermarmi!) ci sono Ulirch Krieger e Sarth Calhoun: il primo al sax e il secondo allo smanettamento portatili Mac (impeccabile, soprattutto quando invia una friend request sincopata su facebook). Eppure non mancano i momenti magici, durano pochissimi secondi ma ci sono, li sento vibrare. Il sax di Krieger spinge tutto verso (vaghi) confini free jazz, alla John Zorn ma la chitarra di Reed rompe ogni logica, taglia ciascuna nota nello spazio e la libera con la foga di chi sgozza uno gnomo liutaio.

Quando Metal Machine Music usciva nel 1975, la critica non ha fatto altro che devastar-lou; nessuno capiva, Reed incluso: troppo Lou- ‘ngimirante, anni luce persino rispetto se stesso. Lo chiamarono un suicidio commerciale come se al leader dei Velvet Underground (uno dei più grandi innovatori di sempre, uno che la storia del rock l’ha scritta a caratteri cubitali) gliene importasse qualcosa del parere di noi sfigati giornalisti. Dopotutto, pezzi come Perfect Day, sono colpi di genio che possono nascere solo da un universo artistico egosintonico. Per questo sono rimasta incollata alla sedia fino alla fine mentre una marea di persone se ne sono andate. C’è anche chi ha tirato una bottiglia di plastica sul palco prima di andarsene: mi chiedo, imbecille, ma se non ti interessava perché non sei rimasto a casa ad ascoltare Transformer? Che stasera si sarebbe celebrato uno degli album più controversi della storia del rock, non era certo una sorpresa. Per il gran fina-Lou si alza, lascia la chitarra e fa risuonare un gigante gong con potenza brutale: i superstiti si svegliano di soprassalto dalle sedie. Le luci si accendono e la sala appare improvvisamente dimezzata. C’è chi fischia ma sono più quelli che applaudono. Lou barcolla, ringrazia e addirittura stringe la mano e firma vinili a chi gli va incontro. Non l’avrei mai detto: umanamente è uno stronzo ass-o-lou-to. Ma non mi bastava sapere che va in giro per l’East Village con le Crocks fucsia per intuir-Lou fulminato, dovevo ascoltar-Lou con le mie orecchie. Che non capita tutti i giorni di trovarsi davanti una Lou ‘ggenda.

Annunci

19 commenti

Archiviato in Uncategorized

Human Prozac

Circa due anni fa inauguravo questo blog con un post su Adam Green. Non l’avevo scelto a caso: l’intera discografia – 6 album – dell’ex Moldy Peaches è scolpita nel mio cranio con ogni testo e singola nota. Ho una passione totale per questo newyorkese di 28 anni, perché quello che fa lui, musicalmente parlando, non lo fa nessuno e ogni volta che pubblica un nuovo cd sento le farfalle alla milza. Minor Love è uscito in America lo scorso mese e qui in UK a gennaio. Ho già scritto una recensione del concerto qui a Londra sul Rolling Stone blog, mi ripeterò solo dicendo che è un album più intimista, pur sempre cazzone ma frutto di un cuore infranto dopo il divorzio con la moglie (che in una canzone lui chiama Goblin mentre io definirei una Succubus).

Minor Love non ha i cori gospel o le melodie asimmetriche e dissonanti del precedente Sixes & Sevens, ciononostante contiene le sue piccole perle. Come The Boss Inside – qui sotto potete apprezzarne il fantastico low-fi video – e altre melodie alla Bacarach che solo Adam può inventarsi e recitare con quel caldo timbro da tenore.

Ne parlo ancora perché stasera 26 febbraio suonerà al Covo di Bologna e sabato 27 al Magnolia di Milano: ANDATE. Lo troverete ubriaco, molesto e se sarete ragazze carine nelle prime file, vi salterà persino addosso per baciarvi. Perdonatelo, sta soffrendo ma se vi avvicinerete al suo mondo fatto di suoni e parole impossibili, i momenti di malumore nella vostra vita avranno i secondi contati. Qui sopra il video di Buddy Bradley: fatevi un giretto con lui per le strade di New York City (s’intravede anche l’entrata di Central Park West, davanti casa di John Lennon) e godetevi in anteprima i suoi balletti esilaranti (e i volti spaesati dei passanti). Vedrete poi che tra due anni o meno, quando il cuoricino di Adam sarà guarito e uscirà un nuovo album, lui saprà ancora stupirci. Le mie orecchie non aspettano altro.

4 commenti

Archiviato in Uncategorized