Archivi tag: Sean Lennon

Seanlennön’s Cat

Vivranno pure nel loro mondo ma sono simpatici. L’intervista e servizio fotografico a Sean Lennon e Charlotte Kemp li trovate sul numero di Flair di dicembre, dove hanno anche pubblicato la foto di me e Sean con gli occhiali scambiati e la stessa faccina stupita-stupida. Così, tanto per guadagnare professionalità (sembro una fan cerebrolesa). Dicono che ci assomigliamo ma, purtroppo, mia madre continua a negare alcun rapporto con John. Insomma, quest’anno a natale mi tocca pure fare il regalo a Sean, vuole gli occhiali come i miei; spero che quando riceverà il pacchettino mi mandi qualcosa in cambio, che ne so, qualche vinile da collezione  o anche il pianoforte a coda di suo padre andrebbe benissimo.

Ciancio alle bande: Acoustic Sessions, il debutto dei due ragazzuoli – nome d’arte The Ghost of a Saber Toothed Tiger – mi è piaciuto alquanto. Si fottano i pregiudizi, non mi aspettavo certo di trovare un album dei Beatles. Ammetto piuttosto, di avere dubitato del talento di Charlotte, super top model 23enne; i motivi (pettegoli) sono ovvi, in più le variabili fichezza intrinseca e talento oggettivo in genere sono inversamente proporzionali nei musicisti. Mi è bastato sentirli dal vivo nella piccola stanza della Roundhouse per ricredermi: armonie perfette e giri di basso interessanti, lei. Che Sean fosse tecnicamente perfetto lo sapevamo già; è la voce il suo callo, molto meglio quando si unisce a quella di Charlotte (non fotonica ma gradevole).

Acoustic Sessions sono nove canzoni a base di chitarra e poco altro: tutto sta nel modo in cui i due giocano con le armonie, cadendo e rialzandosi dentro dissonanze. Poi ci sono le liriche cinematografiche, la forza di questi brani è il modo in cui si fondono con i suoni, svelando davanti agli occhi dell’ascoltatore immagini insolite. Oggi è uscito il video di Schrödinger’s Cat i cui versi sono tutti basati sul paradosso di fisica quantistica: “Like a tree that falls alone in the woods without a sound, I can’t be sure that I exist, when you are not around”… Pretty clever! Ma quando ho detto a Sean che l’Interpretazione di Copenaghen e il paradosso di Schrödinger sono stati superati dalla teoria dei Many-Worlds interpretation (formulata dallo scienziato Hugh Everett III, nonché padre di MrE), lui non è rimasto molto colpito. Anzi, mi ha risposto con aria di sufficienza che lo sapeva già. Vabò, gustatevi il video di Jordan Galland e caccia aperta ai rich kids newyorkesi… ho già adocchiato Fab Moretti degli Strokes e Adam Green (nei panni di Dorian Gray), ne vedete altri?

Annunci

17 commenti

Archiviato in Uncategorized

Ornette Coleman’s Meltdown

Picture 6Finisce così, con un concerto stellare del sassofonista e compositore Ornette Coleman, quest’ultima edizione del Meltdown (14-21 giugno), festival imperdibile qui a Londra. Domenica sera, con lui sul palco della Royal Festival Hall, si sono incrociati una miriade di universi musicali: dai ritmi marocchini dei Master Musicians of Jajouka al contrabbasso di Charlie Haden e il basso di Flea dei Red Hot Chili Peppers. E’ proprio quello il bello del Meltdown: le collaborazioni più impensabili diventano realtà, soprattutto quando il suo “curator” ovvero colui il quale decide il line-up degli artisti, è Ornette Coleman, padre del free jazz e uno dei compositori più influenti, anzi, influential, del nostro tempo. Prima di lui ci sono stati David Bowie, John Peel, Morrissey, Robert Wyatt (guest anche in quest’ultima edizione), Massive Attack, Jarvis Cocker, giusto per nominarne alcuni. A rendere speciale il Meltdown non sono solo i concerti ma anche l’atmosfera che si vive. Tutto si svolge nell’accrocchio di Southbank, ovvero alla Royal Festival Hall e alla Queen Elizabeth Hall, improvvisamente sovrappopolati da una moltitudine di artisti. Basta girarsi nella hall per trovarsi accanto Johnny Marr degli Smiths o incrociare Mick Jones o scorgere dalla lontananza la capigliatura perfetta di Paul Weller. Credo ci sia qualcosa di molto poetico nel vedere gli artisti diventare a loro volta fans tra i fans.

marc_mdMa torniamo a Ornette Coleman, il teorizzatore delle “harmolodics”. Si tratta di una filosofia secondo cui ritmo, tempo, melodia, armonia e tutto quello che c’è sullo spartito, assume la stessa valenza, così che si possano rompere le regole precostituite ed elevare la musica alla più libera forma d’espressione. “Eppure ci sono delle regole anche nel free jazz” mi spiega quel geniaccio di Marc Ribot mentre ci allontaniamo dal soundcheck per fare una chiaccherata nel backstage. L’intervista uscirà sul Buscadero di settembre e avverto subito che sarà in qualche modo “viziata” dal fatto che Marc, oltre che un caro amico, è la persona che forse più stimo al mondo. Ad ogni modo, tra le altre cose, abbiamo parlato di cosa significa improvvisare e delle tecniche “armolodiche” che lui ha utilizzato non solo nel free jazz ma anche nelle canzoni di Tom Waits, soprattutto nei blues. E’ stata una vera e propria epifania. Non fosse stato per Marc sarei andata al concerto di Yoko Ono, programmato per la stessa sera, e con ogni probabilità sarei impazzita al suono irritante della sua voce (nonostante il duetto a sorpresa con Antony Hegarty). Con lei sul palco anche Mark Ronson e il figlio Sean Lennon: spero non abbia detto “ciao mamma” come l’ultima volta che l’ho visto suonare qui a Londra. Diciamolo, per essere figlio di John, Sean è il musicista con meno carisma della terra. Ribot ha invece suonato con Han Bennink alla batteria e Evan Parker al sax: tre mostri sacri in materia d’improvvisazione. benninkVolendo usare uno di questi termini che piace tanto ai “giornalisti etichettoni”, è stata una gig di vera e propria avant-garde in chiave europea. Un concerto da vedere oltre che ascoltare, dal momento che Bennink sul palco diventa un attore di teatro, suona qualsiasi cosa gli passi sotto mano, suona coi piedi, con i denti, con asciugamani. Avete presente come i batteristi hanno la mania di battere sempre il tempo contro qualche oggetto? Ecco, penso che Bennink sia uno che a cena riuscirebbe a dare un beat anche a un piatto di lasagne. Eppure Coleman non ha scelto solo gli artisti più direttamente collegati al suo stile musicale, ma anche altri che hanno ben poco a che fare con il free jazz, come Moby, Yo la Tengo, Yoko O-no e Patti Smith.

Ad accompagnare quella stupenda punkettona della Smith c’era The Silver Zion Mt. Zion Memorial Orchestra, più i soliti (non) sospetti guests. “Questa sera suonerò con molti musicisti che non conosco” ha dichiarato ma non prima di fare una spettacolare entrata recitando i versi della sua Piss Factory: “Sixteen and time to pay off I got this job in a piss factory inspecting pipe forty hours, thirty-six dollars a week but it’s a paycheck, jack…” Per chi la notte spesso si addormenta leggendo i suoi versi, sentirli recitare dal vivo, con quella voce calda, profonda, da new yorker  dilaniana è a dir poco emozionante.  La figlia Jesse la raggiunge e si siede al piano: vederle insieme mentre dedicano una poesia al padre, e marito, Frederick “Sonic” Smith è un’esperienza più intrigante che retorica. Jesse muove le mani affusolate sui tasti con movimenti lentissimi, ovattati, fatti di una delicatezza opposta a quella della madre, la quale, sputacchiante e con indosso un paio di occhiali rotti, carica di emozione ogni sillaba.

Quando salgono sul palco i Musicians di Joujouka (gli stessi che erano con Coleman alla serata conclusiva e che negli anni ’60 avevano jammato con Brian Jones degli Stones e William Burroghs) Patti Smith impazzisce letteralmente: salta, balla, suona un clarinetto molto più free che jazz, nello stesso modo strampalato in cui “suonava” una Fender al CBGB 30 anni fa. Certo però, com’è possible che una tipa come la Smith, nata e vissuta a forza di pane, Bob Dylan e musica, non abbia ancora imparato due semplici accordi di chitarra dopo 63 anni? Aveva difficoltà persino a suonare un “re” senza gracchiare… Strano, a dir poco, ma l’importante è che canti.

Picture 4Che dire poi dell’interpretazione di “My Blakean Year”? Da quando hanno fatto ingresso i violini della Mt Zion Orchestra non smettevo di pensare a come sarebbe stato perfetto quel brano se l’avessero suonato con quell’arrangiamento, soprattuto con l’acustica della RHF. E così è stato. Con loro anche Adrian Utley, chitarrista dei Portishead e ancora il basso slappante di Flea dei Red Hot Chili Peppers. Con “Pissing in the River”, Patti Smith chiude un concerto imprevedibile e semplicemente da brivido. Tra il pubblico che applaude mi cade l’occhio su Kevin Shields, la chitarra più loud del West (My Bloody Valentine), che 4 anni fa, sullo stesso palco insieme a Patti (allora curator), aveva dato una delle più emozionanti e adrenaliniche performance mai sentite. Mentre Mike Patton quando usciamo dalla sala si gira e chiede: “Com’è stato? Mi è sembrato fantastico ma l’ho perso quasi tutto, stavo suonando di là!” ovvero alla Queen Elizabeth Hall. Questa è l’essenza del Meltdown: non è mica così semplice scegliere tra una Patti e un Patton.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized