Archivi tag: richard hawley venduto alle pubblicità

Open up your wallet

Non ha aspettato nemmeno un mese dall’uscita dell’album che ha già sciolto una canzone sublime in gelato avariato. Grazie Richard Hawley: ora non riuscirò più ad ascoltare questo brano senza pensare alla squallida e super stucchevole pubblicità dell’HäagenDazs. Ad aprirsi non sarà più your door ma solo una vachetta di plastica. Sono così delusa che non mi va nemmeno il gelato che ho in frigo. Aveva ragione Eels quando diceva che ormai non gliene importa più nulla a nessuno; oltre lui e Tom Waits non riesco a pensare ad altri che abbiano rifiutato un’allettante proposta pubblicitaria. Ognuno è libero di fare quel che vuole ma c’è una distanza di sicurezza tra creatore e opera creata e tra pubblico e opera, che andrebbe rispettata, per essere rispettati. Chiaro no? Essendo le prime ore di un mattino gonzo, mi sembra non faccia una piega. 

Che bisogno c’era di fare questa porcata? E perché i supermercati europei non vendono mai il gelato al pistacchio? E perché non esportano dall’altra parte dell’oceano l’HäagenDazs al Green Tea? 

Queste ed altre considerazioni mi vengono in mente. E la paura. Paura che sia davvero tutto finto: siamo in un mondo di marzapane scolpito da un pasticcere bastardo che si diverte a modificare la forma di ogni cosa da un giorno all’altro, senza preavviso. L’industria discografica è messa male, gli artisti devono mangiare, Richard Hawley si è messo in tasca un bel po’ di soldi e avrà la tranquillità per scrivere un altro album. O si contorcerà dai dolori di stomaco la notte? Sognerà delle grosse vaschette di gelato che lo inseguono mentre le sue mani nocciolate vengono sbranate da un enorme mostro caramellato e col diabete? Esistono ancora dei paletti di cemento armato o sono davvero tutte inutili stronzate e farei lo stesso anch’io? 

Annunci

20 commenti

Archiviato in Uncategorized