Archivi tag: la barba di eels postpone l’uscita di end times

Eels: è di nuovo la fine!

E’  uscito oggi il nuovo End Times, a soli 7 mesi di distanza da Hombre Lobo. Mi piace da matti e posso dirlo senza dubbio alcuno dal momento che l’ho ascoltato quasi ogni giorno per un mese. Credo fosse destinato ad uscire prima di Hombre Lobo e che quando Eels si è accorto di avere una barba troppo bella per essere tagliata, l’abbia accantonato per qualche tempo. Me l’ha detto lui: “Le canzoni che stavo scrivendo stonavano con la barba e dal momento che non volevo tagliarla ho scritto un album diverso!” La risposta alla vostra domanda è ancora “no”: Eels non ha osato nulla di nuovo dalle rivelazioni di Bliking Lights.

Da lupo mannaro innamorato, solo e arrapato, si trasforma in un uomo che ha appena perso la sua donna. Cambia molto? Direi di no, solo che End Times è ancora più intriso di splendida tristezza e di suoni downbeat. La fine è vicina e Mark Everett appare sul disegno in copertina come sarà – o crede di diventare – tra una ventina d’anni: barba e capelli lunghi e bianchi, cappellino da baseball e look trasandato.

Taciturno e riservato, chiuso dentro la casa di Los Feliz – a cui stavolta dedica anche una canzone – Mr E parla solo ed esclusivamente attraverso la sua musica. “Lei si è chiusa di nuovo in bagno/ dunque sono andato a pisciare in giardino” canta in Line in The Dirt, splendida ballata al piano. Nei 29 secondi di Apple Tree, Eels più che parlare in un microfono sembra confessarsi dall’analista. Racconta di una distesa sterminata di alberi – probabilmente meli – e il suo sguardo che si poggia su uno in particolare, tondo e piccolo: “And that’s how I felt” sussura nel finale. Gone Man è un pezzo upbeat rockabilly ma non fatevi illusioni perché anche lì continua a ripetere che “lei lo amava ma adesso è tutto finito“. In I Need a Mother, canta con un tono così disperato e sincero che non posso fare a meno di pensare a Mother di John Lennon, forse perché insieme avevamo parlato di come l’ex Beatle l’abbia ispirato ad aprirsi completamente nella sua musica. E’ un pezzo da brivido e mi ha fatto pensare che forse MrE non ha nemmeno perso l’amore, inteso come un amore in particolare, ma la speranza: non ci crede più, ha bisogno della mamma.

Nowadays ha una progressione di accordi molto simile a  Ordinary Man di Hombre Lobo ma in più c’è l’armonica e una frase illuminante, detta all’amico  in studio, prima che inizi la traccia: “C’è qualcosa che non va, non capisco“. Mr E non ha scritto solo un gran bel album ma anche la perfetta colonna sonora per i miliardi di broken hearted sparsi per il mondo, migliaia di migliaia, come quegli alberi di melo. Chiuso nella Mansions Of Los Feliz, uscirebbe pure ma non vede quale sarebbe il motivo. E così rimane in compagnia di quel Little Bird che vola nella veranda di casa ricordandogli di quanto – dear God –  gli manchi quella ragazza.

Annunci

22 commenti

Archiviato in Uncategorized