Archivi tag: Eddie Vedder

When Pearl Jam(s) with Ronnie…

pearl j&ronnie

(The image, despite its weakness, it’s still ©chiarameattelli !)

Ma se le scarpe sono lo specchio dell’anima, il fatto che Ronnie Wood si sia presentato  con le Ugg boots per suonare “All Along the Watchtower” insieme ai Pearl Jam, mi spiegate cosa significa?  Quelle sono le scarpe rese celebri da Kate Moss (e che a me fanno schifo perché sembrano una sorta di pantofole da città e: “No, in strada con le pantofole, no!”). Kate Moss e Ronnie Wood possono avere un’anima affine? Non lo so, sono confusa, ci sto pensando da tre giorni e forse è un chiaro segnale che ho bisogno di una vacanza (che non avrò) o almeno di un po’ di sole (di quello non se ne parla proprio). Oppure non c’è nessuna affinità e Ronnie voleva solo prenderci in giro, dopotutto sembra proprio il tipo… Una sera di due anni fa l’ho conosciuto, in un pub di Putney, era venuto a vedere la gig del figlio (bello come il sole by the way). L’ho abbracciato come si abbraccia un vecchio amico gridando: Ronnie! E lui mi stringe fortissimo e comincia a dondolare dicendo: “we could cuddle like this all night through”. Ma il momento più bello è stato quando ha fissato a lungo, con lo sguardo tra il divertito e lo spaesato, un poster dei “Rolling Stoned“, una cover band degli Stones. Chissà cosa avrà pensato vedendo quei cinque geezers impanzaniti che gli rifacevano il verso. Rimpiangerò sempre di non aver avuto una macchina fotografica per fermare quel momento, quel suo sguardo e il poster a fianco. 

Ma torniamo ai Pearl Jam, che adoravo ai tempi del liceo e che poi ho “superato” in qualche senso; ora non ci torno quasi più, mi sanno di rock datato. Ciononostante, il concerto dell’altra sera, nell’intima venue dello Shepherd’s Bush Empire, è stato semplicemente fotonico. Il vecchio Ronnie non era l’unica sorpresa, per l’encore è comparso anche Simon Townshend, fratello di Pete, insieme hanno suonato “The Real Me”: ero impazzita, quel pezzo ha un tiro pauroso. Non solo, nella scaletta  hanno pure infilato un riff di “Interstellar Overdrive” dei Pink Floyd e la cover di “Soldier of Love”: praticamente tutte le mie canzoni preferite, splendido! 

Il nuovo album dei Pearl Jam? E che ne so, da Backspacer ne hanno fatte solo 2 – “The Fixer” e “The End” – a primo ascolto, live, sembravano buone… potevano farne di più, ma presentare i nuovi brani per certe bands affermate è divenuto un atto di coraggio sempre più raro. Per la recensione  rimando al Busca di ottobre.

REFUSO (GRAZIE A CECILIA!): Del nuovo album hanno suonato anche “Got Some”. 

Annunci

34 commenti

Archiviato in Uncategorized