Winter sunshine: Treefight

Mi sono scrollata di dosso il winter blues a colpi di rock psichedelico. A Collection Of Vibrations For Your Skull è il debutto dei Treefight for Sunlight, nuova scoperta Bella Union: quattro danesi dal sunny sound californiano. Delicious. E’ il suono di un viaggio fatto ad occhi chiusi, quando si sogna senza mai davvero addormentarsi, come suggerisce il brano d’apertura A Dream Before Sleep. E’ un intro breve ma lungo quanto basta per imbrattarci di pop barocco con armonie alla Beach Boys, melodie verticali e suoni dannatamente derivativi. Dunque? Come direbbe Everett True, avrete mica problemi a riguardo? “Don’t you try to keep me up while I try to bring me down”, ripete l’irresistibile ritornello di You And The New World – adoroed è esattamente ciò che provo quando li ascolto: non riesco più a crogiolarmi nell’amata tristezza febbraiosa, il sorriso scappa come uno starnuto. A cantare sono tutti e quattro: Morten Winther Nielsen, Christian Rohde Lindinger, Niels KirkMathias Sørensen. Vi chiederete: come minghia si prinuncia la ø? Non lo so. Non so nemmeno perché ho scritto quattro nomi che nessuno mai ricorderà.

Che gli MGMT abbiamo aperto la strada a questo sound non ci sono dubbi: un pezzo come Facing the Sun potrebbe tranquillamente essere firmato dal fulminato duo di Brooklyn. Ma le atmosfere dei Threefight sono più eteree ed è sempre la tastiera a prevalere sopra al beat ed ogni cosa. Le tastiere prevarranno, lo diceva anche Eisenhower (?!).

18 commenti

Archiviato in Uncategorized

18 risposte a “Winter sunshine: Treefight

  1. Io non so chi siano questi tizi qua e neanche se mi piaceranno (punto sul quale nutro seri dubbi) però debbo ammettere senza alcuna piaggeria che leggerti mi procura un benessere psico-fisico non indifferente.
    Forse è questo il segreto del vero giornalista e/o critico musicale.
    E la prova è che riesci a contravvenire alle regole fondamentali (quelle postate qualche volta fa) (mi riferisco alle citazioni didascaliche minuziose dei nomi della band) sempre con estrema disinvoltura e leggerezza.
    Però una cosa me la devi da spiegà: che vor dì “melodie verticali”?

    • Wow… grazie Diamond, bello molto quello che hai scritto. Melodie verticali, mi è scappato. Significa che si muovono verticalmente sul pentagramma, salgono e scendono. Per dire i National sono titpo encefalogramma piatto sul pentagramma. Paul mcCartney era/ è l’alfiere delle melodie che salgono e scendono. Non so se come modo di dire vada bene ma spesso l’effetto che provocano è di totale benessere pisco-fisico. *faccinagiallonacoidentistortiimiei*

      PS l’album è carino un bon po’ come direbbero dalle mie parti! Da mettere in file accanto ai Colorama, di cui sotto!

  2. Nando1970

    Treefight not Threefight…

    oh how much I hate being so picky…
    😉

  3. Myriam

    Concordo con DD in tutto, anche se so chi sono.. .@:)

  4. Grandissima invenzione quella delle melodie verticali ed orizzontali!
    Mai letto “Otto anni ad Abbey Road”, vero?

  5. Ooops, mi è scappata un’altra grande cazzata e provocazione inutile!
    Sono proprio incorreggibile…

  6. Mai letto quel libro su Abbey Road ma la questione delle melodie verticali e orizzontali l’avevo discussa con un amico compositore di musica classica e credo fosse anche citata nel libro Revolution in the Head di Ian Mac Donald se non sbaglio. Ho detto che me la sono inventata? Bah. Ma che mangi a colazione, pane acidato?

  7. Vado fuori tema ma sono curioso di sapere cosa pensi della vittoria degli Arcade Fire ai Grammy

    ciao!

  8. Ooooops! *faccinastralunatagaffes*

    A me piacevano alcuni pezzi del primo, e basta.

  9. c’è questa canzone che secondo me racconta molto bene quello che è successo dopo i grammy🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...