When Pearl Jam(s) with Ronnie…

pearl j&ronnie

(The image, despite its weakness, it’s still ©chiarameattelli !)

Ma se le scarpe sono lo specchio dell’anima, il fatto che Ronnie Wood si sia presentato  con le Ugg boots per suonare “All Along the Watchtower” insieme ai Pearl Jam, mi spiegate cosa significa?  Quelle sono le scarpe rese celebri da Kate Moss (e che a me fanno schifo perché sembrano una sorta di pantofole da città e: “No, in strada con le pantofole, no!”). Kate Moss e Ronnie Wood possono avere un’anima affine? Non lo so, sono confusa, ci sto pensando da tre giorni e forse è un chiaro segnale che ho bisogno di una vacanza (che non avrò) o almeno di un po’ di sole (di quello non se ne parla proprio). Oppure non c’è nessuna affinità e Ronnie voleva solo prenderci in giro, dopotutto sembra proprio il tipo… Una sera di due anni fa l’ho conosciuto, in un pub di Putney, era venuto a vedere la gig del figlio (bello come il sole by the way). L’ho abbracciato come si abbraccia un vecchio amico gridando: Ronnie! E lui mi stringe fortissimo e comincia a dondolare dicendo: “we could cuddle like this all night through”. Ma il momento più bello è stato quando ha fissato a lungo, con lo sguardo tra il divertito e lo spaesato, un poster dei “Rolling Stoned“, una cover band degli Stones. Chissà cosa avrà pensato vedendo quei cinque geezers impanzaniti che gli rifacevano il verso. Rimpiangerò sempre di non aver avuto una macchina fotografica per fermare quel momento, quel suo sguardo e il poster a fianco. 

Ma torniamo ai Pearl Jam, che adoravo ai tempi del liceo e che poi ho “superato” in qualche senso; ora non ci torno quasi più, mi sanno di rock datato. Ciononostante, il concerto dell’altra sera, nell’intima venue dello Shepherd’s Bush Empire, è stato semplicemente fotonico. Il vecchio Ronnie non era l’unica sorpresa, per l’encore è comparso anche Simon Townshend, fratello di Pete, insieme hanno suonato “The Real Me”: ero impazzita, quel pezzo ha un tiro pauroso. Non solo, nella scaletta  hanno pure infilato un riff di “Interstellar Overdrive” dei Pink Floyd e la cover di “Soldier of Love”: praticamente tutte le mie canzoni preferite, splendido! 

Il nuovo album dei Pearl Jam? E che ne so, da Backspacer ne hanno fatte solo 2 – “The Fixer” e “The End” – a primo ascolto, live, sembravano buone… potevano farne di più, ma presentare i nuovi brani per certe bands affermate è divenuto un atto di coraggio sempre più raro. Per la recensione  rimando al Busca di ottobre.

REFUSO (GRAZIE A CECILIA!): Del nuovo album hanno suonato anche “Got Some”. 

34 commenti

Archiviato in Uncategorized

34 risposte a “When Pearl Jam(s) with Ronnie…

  1. dario

    Che le scarpe di Ron Wood siano gentilmente offerte dalla giovane fidanzatina russa? Ad ogni modo stima a tutto ciò che hai menzionato nel post.

    (sui Pearl Jam la penso esattamente come te, sono dei wannabe dinosaurs, ma li vedrei dal vivo, con gioia, anche stasera).

    • Hello my dear lawyer, e perdono: mi è scappato il post 10 minuti prima del dovuto, c’erano degli errori, ora li ho tolti.

      Fidanzata russa??? No, no, sei rimasto indietro, Ronnie ha una nuova fiamma adesso! Wannabe dinosaurs? “Agreesco”.

      • dario

        …per carità, in qualità di tuo avvocato sugli errori ho glissato. Comunque il pezzo è divertente.

        Ma Wood ha una nuova fiamma? Hai capito il vecchietto: fotonico!®

  2. Se magari dovessi incontrare da qualche parte,un certo tizio dal nome Rober Allen Zimmerman,chiamami che dall’Italia faccio un volo per gli States!!
    🙂

    Ogni volta che vedo il vecchio Ronnie mi viene in mente quell’esecuzione al Live Aid del 1985 con Mr Dylan.
    I due stones erano malmessi e non poco…..e tra quel macello ad averne la peggio secondo me fu’ il buon Ronnie.
    Un caro saluto!

  3. ueh, ma allora non ero l’unica italiana l’altra sera!🙂 comunque per la cronaca le canzoni da Backspacer erano tre, oltre a quelle che hai citato tu hanno fatto anche Got Some, personalmente la mia preferita.

    • Ciao Cecilia e benvenuta! E grazie mille per la precisazione. Anche a me tornava il fatto che fossero tre (nel dubbio mi ero consultata con un fan accanito che mi stava seduto accanto) ma ho scritto 2 perché la terza non la trovavo nella lista scaletta. Invece ora vedo che c’è: si vede che sono stordita il giusto…

      grazie!

  4. Sai che anche per me le scarpe dicono quasi tutto. Non amo le Ugg, eppure trovo che il simpatico Ronnie non stia niente male.
    Ciao.

    • ciao Luca, infatti fanno ridere tanto!!!
      Le scarpe sono lo specchio dell’anima, non mi stancherò mai di ripeterlo. Infatti le tue scarpe mi piacciono molto. E infatti metti sempre e solo quelle🙂

      Sto scrivendo un pezzo su un fotografo, Rankin, lui dice che da 30 anni in poi ha deciso che non avrebbe mai più indossato le scarpe da ginnastica. C’ho riflettuto tantissimo su questa cosa.. vuol dire tanto nel profilo della sua persona/personaggio…vabò, sto divangando, as usual.

      ciaooooo

      PS come spacca il nuovo album degli Arctic Monkeys??? Lo sto ascoltando in continuazione!

  5. @Dario: pare di sì, ho visto una foto di lui con una nuova sgallettata. non ricordo dove, probabilmente sul daily mail o sul mirror.

    Sono proprio felice di aver scelto un bravo avvocato, grazie!

  6. Rankin mi piace tantissimoio. Che scarpe porta? Solo Desert Boots anche lui?🙂

    Io di te mi ricordo quegli straordinari stivaletti verdi che avevi ai BRMC a Milano…

    • Rankin non porta trainers, non so se ha anche i desert boots ma ha detto che la sua è stata proprio una scelta di quando aveva 30 anni. Si sentiva già troppo vecchio per portarle. Strano, calcola che tutti i fotografi che conosco/ ho consociuto, anche super top fotografi, hanno/avevano tutti la caratteristica di portare trainers: converse soprattutto ma anche altre. E parlo anche di gente molto sopra ai 40 anni… dunque la storia di Rankin mi suggerisce un sospetto che ho da tempo: che lui sia migliore come PR che come fotografo nel senso tecnico del termine. NON FRAINTENDERMI! non sto criticando le sue foto (io pellegrina wannabe photographer) ma è un discorso più vasto che parte dalla supermostra che sta facendo qui a Londra.. quando esce il pezzo te lo mando.

      Ti ricordi i miei green boots dopo averli visti per 5 minuti??? Wow, mi commuovi!! Ovviamente per me questo significa molto! Sono gli unici tacchi alti che metto… very 70ies😉

  7. Cara Cecilia, le nostre vite si incrociano nelle vie e venue londane…!

  8. Luca

    Sui PJ live non tollero discussioni🙂. Riguardatevi “Immagine in cornice”.

  9. Luca

    Infatti è un omaggio al comune amico Aspetta. E’ un dvd sull’ultimo tour italiano dei PJ e prende il titolo dalla cover di Waits eseguita da Eddie a Milano. Io c’ero e ne porto ancora i segni. Caldamente consigliato!

  10. @Luca: Allora vedi che faccio bene a vedere Tommasino ovunque?🙂 Comunque, e’ una gran cosa quando si e’ presenti a un concerto e poi avere il dvd o il cd!! PS la parte che ho preferito del concerto dei PJ dell’altra sera, sono state proprio le cover… sorry!

    @Cecilia: mmmm… ma immagine e fotografia non sono la stessa cosa? per dire fotografia dico immagine e viceversa. Tra”fotografia in cornice” e “immagine in cornice”non so quale suona peggio… Secondo me l’errore e’ stato tradurre una cosa che non andava tradotta.

    • Luca

      Traduzione: e che ci vuoi fare?
      Pensate che il primo trailer del dvd si chiudeva con la sovrimpressione “Immagine nel TELAIO”. Per fortuna qualcuno del fan club italiano ha mandato una mail spiegando che, fra le traduzioni possibili, quella era la più catastrofica🙂

  11. Beh una fotografia è sicuramente un’immagine, ma non è detto che un’immagine sia una fotografia… insomma non è una tautologia. Detto questo, concordo sul fatto che a monte non andava tradotto, ma checcevuoifa’….

    • Be’ ovvio che mi riferivo a quel determinato contesto: non sono sempre sinonimi ma in questo caso lo sono, dunque la traduzione ci poteva stare, volendo tradurre…

      Io un’idea su cosa fare ce l’avrei: smettere di doppiare i film in televisione, sarebbe il primo passo per l’umanita’ italiana!

      • dario

        Il titolo migliore sarebbe stato “Immagine incorniciata”, che però sembra appertenere ad un greatest hits di Little Tony.

        Comunque Chiarina, noi qui si aspetta un corrosivo e maligno post sull’Artiglio.

  12. Immagine nel telaio??? Fantastico, manco babelvista!!!

    Dear Dario: Oggi sono incasinaterrima ma domani scrivo di sicuro un post sull’artiglio e il baraccone di Bono. Ma prometto solennemente di essere il meno maligna possibile!

  13. PS @ dario a me “immagine incorniciata” non mi piace… mi stuzzicano sempre tanto le traduzioni ma sono felice di non doverne piu’fare!

    PPS era bella anche “picture in a frame” di Willie Nelson… C’e’ da dire chei PJ le cover le rifanno UGUALI alle originali, non ci mettono nulla-nulla di loro.

  14. ciao Chiara, non ti commento sui PJ wannabe dinosaurs, ogni tanto alle rock stars vien voglia di diventare i sacerdoti e custodi del r’n’r: megalomania o amore? Per me amore…Comunque lascia ti faccia i complimenti per la nonchalance con cui hai raccontato il tuo tete a tete con Ronnie: sensuale ed ironicissimo al medesimo tempo.😉

  15. Myriam

    oh bless i Pearl Jam! Mi fanno un po’ di tenerezza, penso che dopo averli visti 16 anni fa a Milano, mi sono detta che sarebbe stata la prima e l’ultima volta e cosi’ me li voglio ricordare, come un’amante che non vuoi vedere invecchiare. Penso che alcuni gruppi, siano gruppi del momento ed altri si possano gustare nel e con il tempo (dipende dal genere e dai musicisti)…non capisco la fissa della scarpa, ma ho trovato il racconto simpatico..e sono curiosa di sapere cosa metta ai piedi Rankin quando va in palestra e se si dedica ai trekking di tanto in tanto..anche se concordo che le ugg boot siano bruttissime. Oh la la, mai ti sei fatta fotografare da Rankin? E quando hai preso Ronnie Wood tra le braccia, non hai sentito lo scricchiolio delle ossa..urca, avresti fatto meglio a prendere tra le braccia suo figlio Jesse😉

    • Ciao Myriam e benvenuta! Capisco bene cosa intendi… soprattutto riguardo Jesse🙂 Comq abbracciare Ronnie è stato bellissimo, un momento epico direi!

      E bentornato Silvano, we missed ya!

  16. Ronnie Wood è ancora vivo?!! Con quelle scarpe?! Hope I die before I get old🙂

  17. I Pearl Jam ti sanno di rock datato??Spero sia uno scherzo o qualcosa che ti ha dato noia quella sera . I Pearl Jam dal vivo sono una delle poche band mondiali che coincido a quello che senti su cd,vinile o altro . Sono il rock vero e proprio nella vera essenza della parola!!!
    un piccola appunto alla rivitsa online: come è possibile che non si parli un po di più dei PJ ,primi nella classifica Americano questa settimana??

  18. Ciao Luigi e benvenuto: nessuna noia quella sera, mi sono divertita ma non mi hanno entusiasmato chissà quanto. “Coincidono a quel che senti su cd o vinile”, appunto, per me non è il massimo quando dal vivo si osa poco.

    Quale rivista online non parla abbastanza dei PJ? Come sai non si scrive necessariamente di chi sta in cima alle classifiche… fortunatamente.

  19. Eh vai con un altro fan! Benvenuto, ma qui converrebbe lasciare i paraocchi a casa… Fabrizio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...