Home I’ll never be

E di nuovo cambio casa, di nuovo cambiano le cose… Oddio no, ho intitolato il post con una canzone di Tom Waits e ora sto citando niente popopopodimeno che Ivanone Fossati??? Deve essere lo stress. Tra pochi minuti staccheranno internet per spostarlo, tra qualche giorno, a casa nuova e sarà una scena splatter di panico, un film horror del XXI secolo che toglie il fiato al solo pensiero. Confido nell’i-phone  a cui mi attaccherò come a un polmone. Sempre a Brixton si rimane, ovviamente, non è il caso di andarsene ora che la stanno completamente ristrutturando e mettendo a nuovo. Stamattina, con grande stupore, ho pure trovato degli stand che vendevano salumi e un altro che faceva le crepes proprio dove in genere vendono skunk e crack. Insomma, crepes for crack, mi sembra un bel passo in avanti! Credo che tra 5 anni, forse meno, Brixton sarà quasi irriconoscibile: sta iniziando una nuova era per South London.

Spero solo di riuscire a parlare di questo bel Meltdown Festival  prima di partire per Glastonbury settimana prossima. Dalla splendida gig di Marc Ribot domenica scorsa, passando attraverso quella di Patti Smith and the Silver Mt. Zion Memorial Orchestra di ieri sera (da brivido!) e arrivando fino a domenica prossima con la serata finale in cui suonerà anche il mostro sacro Ornette Coleman, il curator di quest’anno. E’ stato lui a decidere il line-up degli artisti. Sempre che sopravviva al trasloco, per ora non si vede la luce, solo una porta rossa nella lontananza… mentre in sottofondo risuona la voce di Tom Waits e i versi di Jack Karouac:

I left New York in 1949    newhome
To go across the country without a bad blame dime
Montana in the cold cold fall
Found my father in the gambling hall

Father, Father where you been?
I’ve been out in the world and I’m only ten
Father, Father where you been?
I’ve been out in the world and I’m only ten

Don’t worry about me if I should die of pleurisy

Across to Mississippi, across to Tennessee
Across the Niagara, home I’ll never be
Home in ol’ Medora, home in Ol’ Truckee
Apalachicola, home I’ll never be

Better or for worse, thick and thin
Like being married to the Little poor man
God he loves me (God he loves me)
Just like I love him (just like I love him)
I want you to do (I want you to do)
Just the same for him (just the same for him, yeah)

Well the worms eat away but don’t worry watch the wind
So I left Monatana on an old freight train (on an old freight train)
The night my father died in the cold cold rain (in the cold cold rain)

Road to Opelousas, road to Wounded Knee
Road to Ogallala home I’ll never be
Road to Oklahoma, road to El Cahon
Road to Tahachapi, road to San Antone

Hey, hey

Road to Opelousas, road to Wounded Knee
Road to Ogallala, home I’ll never be
Road to Oklahoma, road to El Cahon
Road to Tahachapi, road to San Antone

Home I’ll never be, home I’ll never be
Home I’ll never be, home I’ll never be
Home I’ll never be, home I’ll never be

3 commenti

Archiviato in Uncategorized

3 risposte a “Home I’ll never be

  1. dario

    “ho visto i cieli muoversi
    e ho pensato
    è la fine
    perchè stanco di troppi presagi”

    jack kerouac – san francisco blues

    OT, ma sono i miei versi preferiti di JK.
    buon trasloco.

  2. Tom Waits, un album live
    Tom Waits si appresta a pubblicare un album live che ripercorrerà il suo Glitter And Doom Tour. Intitolato semplicemente Glitter And Doom, il disco uscirà il prossimo 24 novembre in due versioni: la versione in vinile e un doppio cd con, nel primo, sedici tracce registrate nel corso di dieci serate del tour, e nel secondo una traccia singolo contenente i monologhi dell’autore tra una canzone e l’altra nel corso della tournée.

    I fan possono già scaricare 8 delle 16 di tracce del cd 1 dal sito ufficiale dell’artista.

    Di seguito le tracklist dell’album:

    CD1:
    Lucinda / ‘Ain’t Goin Down (Birmingham – 07/03/08)
    Singapore (Edinburgh – 07/28/08)
    Get Behind The Mule (Tulsa – 06/25/08)
    Fannin Street (Knoxville – 06/29/08)
    Dirt In The Ground (Milan – 07/19/08)
    Such A Scream (Milan – 07/18/08)
    Live Circus (Jacksonville – 07/01/08)
    Goin’ Out West (Tulsa – 06/25/08)
    Falling Down (Paris – 07/25/08)
    The Part You Throw Away (Edinburgh – 07/28/08)
    Trampled Rose (Dublin – 08/01/08)
    Metropolitan Glide (Knoxville – 6/29/08)
    I’ll Shoot The Moon (Paris – 07/24/08)
    Green Grass (Edinburgh – 07/27/08)
    Make It Rain (Atlanta – 07/05/08)
    Story (Columbus – 06/28/08)
    Lucky Day (Atlanta – 07/05/08)

    CD2:
    Tom Tales

    Fonte: http://delrock.it/news/2009-10/tom-waits-un-album-live.php

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...