Still “Byrne” down the house!

byrne

Vorrei esprimere un parere professionale sullo show di David Byrne ieri sera alla Royal Festival Hall: MA CHE FIGATA!!!b-tutu3Nella prima mezzoretta tutti ballavamo compostamente seduti, ammirando lo spettacolo di coerografia sul palco: tre bellerini + 3 coristi-bellerini e quel folle di Byrne che guidava il tutto. A tratti sembrava quasi che la musica divenisse materia, spostata dai gesti, spesso meccanici dei ballerini da un lato all’altro del teatro o dallo stesso Byrne che la scagliava addosso direttamente dalla sua stratocaster. Poi  non abbiamo resistito e ci siamo catapultati sotto il palco a ballare. Intorno guardavo divertita gente dell’età dei miei genitori con pettinature alla Paul Weller, che si dimenava impazzita. Vedere da meno di un metro di distanza David Byrne che canta tutti i successi scritti con il piccolo Brian è stato uno di quei momenti in cui metti una tacca sulla lista delle “cosa da fare prima di schiattare”. Non solo i pezzi più famosi scritti per i Talking Heads, come Burning down the house, Take me to the River and so on, ma anche quelli di My Life in the Bush of Ghosts, quell’album assurdo del ’81 che li incoronava pionieri di un cross over tra musica africana, electronica, funk e chissà cos’altro. 

Oggi, dopo trentanni buoni, la collaborazione aritstica tra i due riprende con l’album Everything That Happens Will Happen Today in uscita il prossimo agosto. Musica di Brian Eno, parole di David Byrne. La title track è una splendida ballata con una genialata di testo che ti rimane in addosso anche dopo un solo ascolto.  Ieri sera di ballate ce ne sono state solo un paio, il resto è stata una scarica di successi allucinante… ma quanti gruppi ha ispirato questo pazzoide col tutù? Che comunque solo lui riesce a indossare con tanta dignità. Forse avrebbe potuto fare più dei suoi assoli super angolari alla chitarra ma vabò lo show è stato lo stesso fantastico, scandito da una voce impeccabile con un timbro unico…  Once in a lifetime, water falling underground! 

 

11 commenti

Archiviato in Uncategorized

11 risposte a “Still “Byrne” down the house!

  1. Che invidia! I Talking Heads sono sempre stati una delle mie passioni, sono sempre stati avanti su tutti. Li vidi a Bologna da ragazzino infervorato di new wave quando avevo la mia band all’inizio degli anni ’80, ai tempi di Remain in light. Sapere che Byrne ha riproposto parte di quel repertorio e in più brani da quel capolavoro che è My life in the bush of ghosts, mi fa dire: “beata te”

  2. Forrest Gamper

    Talkin’Heads – and that’s a fact!
    Human League – Ultravox!
    Nouvelle Vague – o Uomo Vogue
    Cosa importa!
    Cosa importa!
    ………..😀
    Can u remember?

  3. @Lucien: ciao, yep è stato un gran bel concerto, thanks!

    @FGumper: non mi ricordo ma ho googolato🙂
    i novelle Vogue son carini per dieci minuti poi quando ti rendi conto che quel che fanno è solo prendere qualsiasi pezzo e renderlo uguale a un altro, ti stancano subito !

  4. Ciao Sally, ti scrivo qui perché il forum italiano di Waits è semi-defunto, purtroppo…
    Vidi David Byrne qui a Torino un paio di anni fa in prima fila centralissimo!
    Aveva un completo giacca e pantaloni che era tale a tutti gli effetti cioè era un tutt’uno, proprio come quei pigiamoni che ti mettono da bambino. Grigio, gessato, elegantissimo, ma infantile appunto. In quel fisico asciutto ci stava divinamente! Che dire del resto.. Concerto strepitoso! A metà serata la gente non ce la faceva più a stare seduta ed è andata sotto al palco facendo inca…volare le maschere del Teatro Colosseo. Byrne ha sospeso il concerto ed ha espressamente chiesto che la gente rimanesse sotto il palco! L’ho anche sentito cantare l’aria di “Un di’ felice” come un tenore non in voce. Pulitissimo ed emozionante! Se vi capita a tiro il Byrne andate a vederlo, ne vale veramente la pena! Baci Sally. Fabrizio.

    PS: Byrne è arrivato al concerto da solo, in bicicletta!
    PS2: sai dove posso trovare il tutù?

  5. Ciao Fab! hai fatto bene a venirmi a fare visita qui, you are superwelcome!!!!
    Bello il tuo racconto, cavolo ti sei visto Byrne che cantava Verdi, che bellezza! A me fa impazzire la sua voce…

    Riguardo a come si veste, l’altra sera era completamente in bianco come tutti sul palco, il tutù è scattato dopo il bis, penso lo puoi facilmente trovare in tutti i negozi per ballerine electropunk sciroccate. Un mio amico era invece invitato al suo matrimonio, diversi mesi fa qui a Londra, e dice che allora indossava un kimono assurdo e bellissimo…

    E’ arrivato da solo in bici a Torino? che fuori! io sono andata a vederlo da sola in bici ma mi pare più ragionevole.

    baci right back at ya,
    Sally

  6. Forrest Gamper

    In effetti il tutù è esagerato!😛
    Ma no, non mi riferivo al gruppo Nouvelle Vague. Si tratta di un testo del 1980. Mi riferivo a quello che diceva Lucien🙂
    Come Nouvelle Vague il brano intendeva il cinema di Truffaut, Godard e soci…
    Ma forse non ho più l’età per il punk rock… c’è chi è family man…

  7. Ciao, arrivo qui tramite Lucien…bella recensione. Questa sera vado pure io a vederlo:
    http://31canzoni.blogspot.com/2009/04/foto-di-bob-dylan-dal-concerto-di.html

    Una curiosità, lasciano fotografare?

    ciao e piacere di aver conosciuto il tuo blog.

    ciao, silvano.

  8. Ciao Silvano e benvenuto!
    Per fotografare ci vuole il pass… Poi dipende dalla venue, nel senso, alla royal festival hall (non in altre venues) quando la gente comincia ad alzarsi e scendere sotto il paclo difficilmente riescono a controllare chi fa foto o meno e al concerto di Byrne alla fine le hanno fatte tutti.. non so come sia la venue dove lo vedrai tu e quanto grande sia la tua macchina fotografica… in bocca al lupo😉

  9. Ok, grazie per il in bocca al lupo, ma dove vado a vedere Byrne è un teatro da 700 persone e (fortunissima per la verità) sono in prima fila, per cui temo che se sono cattivi la mia reflex me la strappano di mano e la masticano sul luogo. Nel caso ti chiederò di poter usare le tue bellissime foto (ovvio se me lo permetti e citandoti adeguatamente).
    Mmhh, vedi Bob a Londra quando suonerà in anteprima alla Roundhouse “Together through life”?

    ciao, silvano.

  10. Ciao Silvano, sì lo vado a vedere alla roundhouse!! che bellezza solo 2000 people🙂

  11. Bel report! Io l’ho visto a verona il 20, sotto il palco dritto davanti all’asta del microfono, ho fotografato e filmato ma soprattutto ballato. Corro a comprare il tutu..
    ciao!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...